Fendi e Fondazione Lisio

Fendi e Fondazione Lisio, una storia di alto artigianato italiano. Felice connubio tra innovazione e tradizione. Moderne tecniche di progettazione sposate agli antichi sistemi di lavorazione e tessitura dei velluti pregiati. Dal 1997 al 2004, e per la sfilata evento del 2007 sulla Grande Muraglia Cinese, la Fondazione Arte della Seta Lisio ha fornito a Fendi velluti, broccati, sete decorate con motivi antichi. Materie prime straordinarie che hanno dato vita ad una serie limitata di Baguette di grande pregio, realizzate dai creativi Fendi fianco a fianco con i tecnici Lisio.

La Manifattura Arte della Seta Lisio nasce nel 1906 grazie a Giuseppe Lisio, con l’apertura di un laboratorio e di un punto vendita a Firenze. Nei primi anni ’20 viene anche aperto un negozio. Le merci vengono esportate in tutta Europa, e nel 1933 apre il primo punto vendita a Parigi. L’intento del Signor Lisio è quello di mantenere in vita uno dei più prestigiosi settori dell’artigianato italiano che trova linfa attraverso le sue radici nel Medioevo e nel Rinascimento. I dipinti dei grandi pittori italiani come pure le opere d’arte decorativa, ma soprattutto gli esemplari di tessuti serici antichi, sono le fonti alle quali Giuseppe si ispira per l’elaborazione dei repertori disegnativi della sua produzione. Il successo è vastissimo affermando sul mercato italiano ed estero un marchio che è sinonimo di alto artigianato e manufatti di grande pregio. Nel 1971 Fidalma Lisio istituisce la Fondazione Arte della Seta Lisio con l’intento di tramandare attraverso le sue attività didattiche, culturali e manifatturiere, l’antica arte della tessitura a mano di stoffe in seta e metalli preziosi. La fine degli anni Ottanta e il decennio successivo segnano un’importante svolta per la Fondazione Lisio: l’uscita della rivista ‘Jacquard’ che accoglie interventi interdisciplinari di storici dei tessili –tessuti, costumi, merletti, arazzi-, notizie sulle esperienze nelle scuole di secondo grado e universitarie o nell’ambito del tessile come espressione d’arte. Nel 2001, alla morte di Fidalma, ultima erede della famiglia, la Fondazione Arte della Seta Lisio, da lei creata, continua la missione di creare a mano su antichi telai Jacquard, tessuti di pregio, velluti e broccati, destinati ai restauri di ambienti e mobili antichi oppure all’alta moda o ancora all’abbigliamento liturgico o d’alta cerimonia.

Quella nel video è la prima Baguette del 1997, montata con un velluto operato tagliato, che definisce e mette in risalto il monogramma della doppia F, è un omaggio all’antica arte di tessitura a mano dei preziosi tessuti.